« Santoro all'attacco | Principale | Illuminati spenti »

25/05/10

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

angelasemenza

Se fosse rimasta a casa sua
e non viaggiare in due su
una imbarcazione che ne poteva contenere 200, penso,
non sarebbe accaduto. E'
giusto che3 anche i ricchi
piangano, è la legge della
natura..... ma cosa credevano

Bud

Si , va bene, se ha evaso (come probabile) e' giusto che paghi. Ma la moglie, benche' sia una privilegiata, e l'infante non c'entrano nulla ed e' logico e possibile che si siano spaventati.
Se succedesse a qualcuno di noi, anche se non ha nulla da nascondere, sarebbe lo stesso.
Poiche' uno yacht non e' una formula 1 e nemmeno un aereoplano, per sequestrarlo forse non era necessario un blitz stile arresto latitanti.

maria elena

Mamme e bambini vanno rispettati, anche se sono ricchi è sempre un trauma magari mentre stai allattando vederti della gente in divisa che invade il posto dove sei, fosse anche uno yacht o un attico... Il trauma avviene che tu sia privilegiato o no, non c'è differenza...

onyx70

Mi piange talmente il cuore...

leonardo

Questo e' sicuramente un paese colmo di umanita' cristiana peccato che questa umanita'e sensibilita' non sempre trapeli quando si sgombrano campi nomadi con bambini in condizioni di miseria nera oppure quando si sfrattano famiglie con minori costretti a ricorrere ai servizi sociali.In questi casi alcuni e non pochi benpensanti arrivano a teorizzare che i figli stanno semplicemente scontando gli errori dei padri i quali violando le leggi dello Stato creano le condizioni per interventi di polizia.In questa logica si dovrebbe evincere che il sequestro della barca e tutte le azioni che conseguono sono la diretta conseguenza della violazione di norme ad opera di adulti che non si preoccupano delle conseguenze.E' tipico delle persone immature ricercare le responsabilita' dei propri errori nelle azioni degli altri come fanno gli adolescenti quando vengono presi in difetto.I bambini dovrebbero sempre essere esclusi dalle cronache e mai chiamati in causa.E'per questa ragione che condivido pienamente quanto affermi, Irene,circa i bambini meno fortunati del mondo i quali sono privati di qualcosa, provano dolore o tristezza o smarrimento… e aggiungo senza riflettori e lontani dalla cronache. Gli adulti dovrebbero dimostrare piu' maturita'e comportarsi di conseguenza.Buona giornata.

Bud

Sulle ingiustizie e sulle miserie dei bambini nel mondo, e' chiaro che siamo d'accordo. E' charo che a me come a molti fa piu' pena uno zingarello sfrattato che non il piccolo Briatore, che cmq un il nutrimento e un tetto sicuro l'avra' sempre. Ma esultare ed esaltarsi per l'azione e' altra cosa.

Personalmente, mi confortano di piu' i 10 anni di galera confermati al 'signor' Tanzi e l'obbligo di risarcimento che non aver pizzicato un Briatore che, forse, non pagava l'IVA sulla benzina di uno yatch per altro a noleggio (ma sai quanto consumano quelle robe li'?). Mi confortera' di piu' se saranno costretti a pagare tasse e sanzioni i 6000 e piu' connazionali che avevano accumulato fondi (neri) all'estero, per un totale di 7 mld, olrre un quarto di 'manovra' ..

A propos. di bambini, notizia per certi versi confortante di oggi. Rispetto al 1990, muoiono di stenti e malattie 4 milioni di bimbi in meno nel mondo (-40%).
Se si continuasse di questo passo, grazie sopratutto al lavoro senza pari di molte ONG, fra 30 anni questa vergogna dell'umanità sparirebbe completamente.
Ma basta poco, veramente poco, di noi tutti, per fare anche prima: pensate, e' vero che purtroppo ogni 4 secondi muore ancora un bambino, ma ogni 8 viene salvata una piccola vita in piu' rispetto a 20 anni fa.

Pim

Non bisogna piangere sul latte versato, va bene: ma su quello non versato?

Bimba

ma per favore!!! se proprio volete commuovervi guardatevi un po' attorno e nel mondo troverete materiale a bizzeffe...si vergognino!

Chris

Che notizia devastante! Conosco donne (e uomini) che hanno dovuto sopportare privazioni di ben altra magnitudine verso ai loro figli, specialmente in questi giorni di crisi, e l'hanno fatto conservando una dignità sovrumana, altro che frignare davanti alle telecamere. Ma cos'è, la dignità, che si possa sacrificare come un fazzoletto di carta usata per avere un po' di luce mondana?

ivo

Pronti alla stima, pronti alla gogna. Bravo Briatore, ladro Briatore. E' che tutto è rapportato, evadere l'iva per un operaio ad una visita da un primario è in percentuale più o meno quanto sull'intera vicenda per un imprenditore di successo come lui. Ma ognuno considera le sue... 'evasioni' giustificate, piccoli peccati, quisquiglie. Chi si è sempre fatto fare la fattura dal dentista o dall'idraulico si scagli, ne ha tutte le ragioni, gli altri...facciano come gli pare, ma non sono migliori di lui. Io compreso. E tutto il clamore mediatico sulla vicenda io credo sia volto a dare "un po' di fiato" a forze dell'ordine che nelle reti che tendono agli evasori hanno buchi come il traforo del s. bernardo... Buona serata.

irene spagnuolo

Grande, Pim....:))))

Silvia GM

@ Irene! Bene questa mattina il Buongiorno del Gram (grandissimo ) con una devastante ironia.
Ora leggo il tuo blog… fantastico: spumeggiante come un mare in tempesta.
Io, di mio, questa volta mi astengo. ‘Affonderei’ i canini … affilatissimi e pure velenosi.
Allorafaccio “spetegulezz" se me lo consenti. Il Briatore è originario(come credo tutti sapranno) di un paesotto del Saluzzese chiamato Verzuolo. (Prov. di Cuneo, zona sud-ovest del Piemonte). Da giovane lo chiamavo * tribula* (dal verbo tribulè = tribolare). Era uno studente indisciplinato
e … il diploma da geometra (mi pare) lo ottenne per disperazione. Credo facesse ‘sagriné’
(preoccupare) genitori e parenti ed amici. Sempre senza soldi, viveva d’avventurosi espedienti.
Chissà come e perché o per come oggi è Miliardario? Ha conosciuto la persona giusta che lo ha introdotto nel posto giusto fra altre persone utili in ambienti favorevoli… E non aggiungo altro. Per il resto, scusa se mi ripeto, la bravura del Gramellini Massimo nel
raccontare l’evento di sì *tal drammatica importanza
*da finire su tiggì e pagine dei quotidiani, credo sia più che sufficiente;aggiungici la tua *graffiante* simpatia e navighiamo beati .. nei mari più blu. Ciao carissima.

irene spagnuolo

Bellissimo il Buongiorno di Gramellini...l'ho solo battuto sul tempo, eh eh!!!
Silvia sapevo più o meno delle origini di Briatore...beh, andrebbe bene quasi tutto a patto almeno che rimanesse sempre nel lecito!
Ciao buona giornata frizzantissima lettrice e arguta commentatrice :)
Irene

ForceBlue

Che strano Paese questo! Gente che si "indigna" a sapere che madre e figlio sono stati allontanati dal natante. Nessuno era presente, nessuno sa come siano andate le cose, eppure tutti a dire che si poteva fare diversamente. Mah. E' un popolo quello italiano che non finirà mai di sorprendermi. E' come se un mafioso si lamentasse che la polizia gli piomba in casa di notte...c'è da ridere! Ovviamente tutti saranno pronti a dire "ma lui non ha condanne" (sbagliando); ma finché non si accerta (accertato). E già perché basterebbe solo leggere qualcosa in più sulla "sfolgorante" carriera del geometra Briatore per porsi qualche domanda più interessante di come si senta il povero nathan(te). A parte le condanne prima a 3 anni e poi ad un anno e 6 mesi (Briatore scappò alle isole vergini in attesa di un amnistia), nessuno si è mai chiesto in questo Paese di cosa viva FB. Nessuno. Non c'è una sola cosa che Briatore non abbia toccato che non sia fallita. Dal primo ristorante avtuo in gestione, all'ultima squadra di calcio amministrata. Non una cosa che non sia fallita. Ma il sogno italiano continua (altro che america!) preoccupiamoci di nathan...

maria elena

mi sembra che in molti casi qui ve la prendiate con una mamma e un bambino che hanno la stessa dignità e lo stesso diritto di non esser disturbati di una mamma e un bambino rom o poveri che dir si voglia... se lei ha perso il latte è uguale a una mamma di qualunque altro strato sociale che ha perso il latte, non prendiamocela con lei e il bambino perchè briatore è un evasore fiscale... ovvio che erano su un lussuoso yacht ma non per questo dobbiamo compiacerci sadicamente del trauma eventualmente da loro riportato...

irene spagnuolo

sadicamente, maria elena?!
Andiamo...non scherziamo :)

Irene

ester

a proposito della Gregoracci:io la manderei a zappare la terra così perderebbe il latte x qualche cosa...oppure un bel calcio nel c...e pensare che un mese fa diceva:niente privilegi a mio figlio!!!ma vaffa

maria elena

Sto solo osservando che bisognerebbe prendersela giustamente con l'evasore fiscale briatore ma non con una mamma e un bambino. Nè la gregoraci, per quanto non mi piaccia come persona almeno dal poco che ho visto di lei sui giornali, nè il bambino dovevano essere "assaltati" da una squadra di tizi che sarebbero un trauma per una persona in condizioni normali, figuriamoci per una mamma in allattamento. Di qualunque strato sociale, ricca, povera, rom, occupata, disoccupata. Io già mi innervosisco quando vedo tre o quattro poliziotti per strada, pensiamo se mi entrassero in una casa, in una barca o in altro luogo di mia proprietà. Barca che, sottolineo, non possiedo. C'è poco da scherzare, lì c'erano una mamma e un bambino e, ricchi o poveri, la cosa non doveva andare così.

I commenti per questa nota sono chiusi.