« Donne che ritornano | Principale | Ricchi e poveri »

01/11/09

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

leonardo

Mentre scrivo sta andando in onda in tv un'intervista di Alda Merini.Mi associo all'augurio affiche' finalmente abbia pace.-

Gianni Giletta

Alda Merini insegna a noi psicologi che dobbiamo trattare non la follia ma la persona nella sua integrità. La Merini ha superato se stessa rendendosi piccola e fragile. Così è diventata forte e robusta nella mente. E perchè no, nella vita. Gianni Giletta.

irenespagnuolo

Gentile Gianni spero abbia insegnato a tutti anche che la "follia" fa parte dell'umanità...non si può "eliminare", "punire", rinchiudere.......
Irene

Marco D'Auria

Cara Irene, me lo hai già detto in una e-mail personale, e questa è una affermazione retorica ma tu mi sbalordisci quando tratti questi argomenti (in positivo naturalmente !!!).

irenespagnuolo

Marco...ti ricorderai che ho buoni motivi per riuscirci :)))
Ciao, ben ritrovato
Irene

Maurizio Spagna

“Il desiderio dei miei lettori
È di contornarsi al più presto
In questi versi riservati
Ad Alda Merini”
Un Grazie attirato.

Commento introduttivo,
un tributo poetico:
“Ad un grande esempio di letteratura del Novecento, donna contemplatrice che ha raccontato le grandi sofferenze della vita e ricca di espressioni poetiche vissute nel profondo.”


HO SEMPRE VOLUTO...
...aspetta un attimo, un attimo
e non sparire poesia.
Per Alda Merini il tuo verso
è nella vita…

Annuisci Alda,
Ho sempre voluto poesia attorno a me
Tratti di sentiero
Che aggiungessero corpi di scrivanie
E lampade accese di protesta
Sull’infinito appoggio di un pensiero.

La tua camera ne era impicciata.

Ho sempre voluto foto
Copie di poesia attorno a me
Sedie foderate da calici piangenti
Schizzi di un vissuto amore
Strane facce di cassetti ammaccati
E muri
Figurati dall’ombra del mio seno.

La tua camera ne era impicciata.

Ho sempre voluto poesia dal vivo attorno a me
Musica sperduta nelle parole
Volti e braccia cascanti
Sopra un leggìo che pieghi
Si ripieghi e il certo che si spieghi!

La tua camera ne era impicciata.

Ho sempre voluto una camera vuota
Nuda e dalle quattro orecchie
Bianca e chiusa in una nuvola nera
Fumata
E corteggiata dalla tua poesia
Che ho sempre voluto
Un po’ mia.


©
Da “Il cuore degli Angeli”
di Maurizio Spagna
www.ilrotoversi.com
info@ilrotoversi.com
L’ideatore
paroliere, scrittore e poeta al leggìo-

I commenti per questa nota sono chiusi.