« La Cucina dei Potenti | Principale | Crisi choc e sogni chic »

08/09/09

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Antonio Cracas

Cara Irene,

dopo aver letto questo post ho capito una cosa (permettimi la battuta): io sono bello duro!!

:)

Un abbraccio

irenespagnuolo

Non avevo dubbi :)))
Bacio!
Irene

Silvia GM

Mi consenta Gent.ma Irene, fra le maniche ha dimenti- cato i calzini: di cotone in estate ma sempre rigoro-samente a “gambaletto di un super rigoroso color scuro. Le camicie poi sempre rigidamente azzurre (al massimo si differenzia-no per qualche lieve sfum
tura); esse bianche solo per le occasioni cerimo- niose in chiesa. E poi anche quando fa caldo molto caldo sempre infles- sibilmente giacca e cra- vatta inteso come completo che varia fra il blu-più- o- meno-scuro-grigio/fumo di londra-grigio-chiaro. Al massimo ci scappa un marrone. Nella loro meticolosità mentale i 365 gg. dell’anno sono pro-grammati scrupolosamente mese dopo mese-settimana dopo settimana-giorno dopo giorno- dal lunedì alla domenica. Festività comprese. Sì sono incredibili nella loro freddezza e falsa cortesia
. Quando li hai di fronte e li guardi negli occhi dentro vedi il vuoto. Un gelido ordinatissimo deserto. Complimenti per la ironica e simpatica descrizione e cordiali saluti!!

Prishilla

Solo a leggere ho sentito il soffocamento! Dunque descrizione riuscitissima direi!

Un saluto, Prish

fulvio

Appunto, il mio capo. L'ho fatto leggere in ufficio e sono rimasti tutti senza parole.

irenespagnuolo

Prish, Fulvio infatti lasciano senza parole e senza fiato :(((
Irene

p.s. ben ritrovata Prish!

irenespagnuolo

Esatto Silvia, grazie per le integrazioni!!!
Irene

Silvia GM

Simpaticissima Irene, ne ho dimenticato un pezzo: uomini molli in casa fra le mura domestiche. Succubi, sottomessi, servili e servitori di moglie e figli. Ma fuori? In particolare quando hanno a che fare con le donne diventano IMPERATIVI e severissimi, imparziali e fiscalissimi. Come dire? Si 'rifanno' del subìto....
O sbaglio? Frizzanti saluti.

homing pigeon

Bellissimo pezzo, Irene. La tua capacità fotografica di riprodurre il mondo che ti scorre intorno è sempre pronta, fulminea, imperativa.

Vedi. Capisci. Scrivi. E descrivi con precisione rara vizi e virtù (sempre più rare, mentre abbondano i primi).

Complimenti ancora. Da un uomo. Molle o meno, lo lascio giudicare a chi mi conosce.

Un abbraccio,
HP

zerogravity

Gli uomini molli,già. Mi viene da pensare: non è che un uomo molle, propriamente molle, io lo intenda in modo definito, visto con gli occhi di Irene è come un individuo (lasciatemi passare il termine) mellifluo, pieno di tic e spudoratamente nevrotico, un pizzico di malsana ingenuità, ed una carrettata di frasi fatte per farsi scudo da una vita che non riesce a compredere a pieno. Su quest'ultimo punto mi sento oltremodo, propriamente, indiscutibilmente molle... ma non riesco a sentirmi duro come il nostro vigoroso amico sopra, tra l'altro... molto macho. si, davvero molto macho. Per quanto riguarda orologi, calzini, strette di mano, vestiti indiscutibilmente fuori da ogni ragione terrena, e tutto il resto, vi posso garantire che sono altrettanto alienanti ed asfissianti, pedanti, indisponenti e con "una ristettezza intellettuale emotiva" molte donne... molto molli. Molto asfissianti.

ivo

Bè, se non ci fossero i molli non ci potrebbero essere neanche i duri, ovvero saremmo tutti monotoni uguali. E se i molli volessero provare a fare i duri sarebbero spaesati, falsi. Mah, Irene, è un detto trito e ritrito ma comunque efficace: il mondo è bello perchè è vario. L'importante è, secondo me, non sentirsi superiore se si pensa di appartenere ad una categoria anzichè l'altra...ciao!!!

vb (Vittorio Bertola)

Vuoi in risposta un pezzo su "le donne che passano tutto il santo giorno a giudicare gli uomini che incontrano"? :-D

zerogravity

Scende la saggezza ed a capo chino ci cospargiamo del detto: "il mondo è bello perchè è vario" e ancora..."non sentirsi superiore se si pensa di appartenere ad una categoria anzichè l'altra" : permettimi: il mondo è uno schifo, proprio perchè ognuno fa e dice quello che gli pare, che è diverso dal concetto del mondo bello perchè vario... per l'appunto, modi di dire. I piu' pericolosi.
La gente non pensa, sputa fuori frasi "preinstallate","ti diamo un cervello, con l'xp preinstallato", arrivederci e grazie! Cibo premasticato, preincartato, buono per ogni occasione, non sia mai azzardare un'opinione. Non sia mai. Troppa fatica.

ivo

Zerogravity: urca, quanta acidità! Comunque beato te che hai la ricetta giusta sul come dovremmo essere e sai esattamente cosa bisognerebbe fare. Io non ho questa fortuna e quindi non mi rimane altro che tollerare per poter convivere, sperando che anche gli altri tollerino me più o meno allo stesso modo di come lo faccio io. Cerco di dialogare anche con quelli che mi tirano "randellate per posta" come te. Ciao. P.s.: posso sapere quanti anni hai?

irenespagnuolo

oh si zerogravity ci sono anche molte donne...molli e asfissianti :)))

irenespagnuolo

vb per fortuna di solito ho molto altro da fare, dire e pensare :)))

irenespagnuolo

Grazie HP...troppo buono!
Ho appena letto delle mie pessime qualità di scribacchina...il tuo commento è decisamente in controtendenza :)))
Un abbraccio anche a te
Irene

Bud

Ce ne sono anche che non comandano per niente, nemmeno in ufficio..

Ma mi piacerebbe sapere, pura curiosita' eh, che cosa ha ispirato questo pezzo alla ns gentile ospite.

Pero' una cosa la contesto: l'icona del grande, indistruttibile Wil Coyote a illustrazione del titolo. Tenace si nel perseguire il suo obiettivo di catturare l'ebete e fortunato Road Runner alias Bip Bip, ma molle per niente: crederci sempre, arrendersi mai.
Si dice che una volta ce la fece a prenderlo ( io non ho visto quell'episodio), ma poi lo lascio' andare per continuare ad avere uno scopo nella vita

Giuseppe

Ciao Irene!
A leggere il tuo post e la risposta di Silvia, chissa' quanti tuoi lettori si staranno guardando allo specchio, staranno guardando dentro i cassetti e i loro guardaroba.
Io ho un bel po' di camicie color celeste, adoro quel colore, e mi sono detto :" Cribbio, e' possibile che io sia un molle? Ma no, io la mano la stritolo quando la stringo".
Ciao,
Giuseppe

erasmus

Non so se sono molli, ma quel tipo di uomini formali, normali, grigi, senza acuti, tutto prosa e niente poesia, ligi all'ordine, conformisti ecc. ecc. sono lo zoccolo duro ed indispensabile di ogni societa' ben strutturata. Senza quel tipo tolstoiano di burocrate/impiegato non c'e' futuro, ne' salvezza. Coltiviamo quel tipo, non irridiamolo....Possiamo non volergli assomigliare, ma riconosciamone tutto l'immenso valore

Silvia GM

OOHHIII ! Ohi! Non pensavo che le camicie azzurre potessero sollevare un simil vespaio!
Come posso rimediare? Però, effettivamente, un tipo esattamente come l’ho descritto lo conosco da vicino; lui e la sua famiglia. Figli con seri problemi di socializzazione e poco inclini alla simpatia Moglie nevrotica come una centrale nucleare in procinto di esplosione; “rigidissima”, asettica e super-maniaca- della pulizia; inquadratissima- gelida come l’acqua non gasata messa in freezer. Almeno l’acqua ossigenata è asettica ma fa le bollicine!
La mia era una constatazione. E chissà quante critiche feroci ricevo dai suddetti per il mio modo di essere, il mio (non) apparire, imperfettissimo, a-sociale e senza diplomazia.
Indubbiamente per fortuna che ci sono queste persone nell’ambito del lavoro. Sicuramente se non esistessero le cose non funzionerebbero.
Ma sottolineo: esse vivono proiettate appunto nel salvare le apparenze di fronte al pubblico, al paese, alla gente. E non sanno quali ‘battutine’ la stessa gente che li riverisce di fronte, gli lancia alla spalle. (Io non li riverisco- Ma li rispetto e fine. Solo per capirci).
Senza ombra di dubbio ci sono un sacco di donne “molli”, ma proprio flaccide. Che hanno perennemente bisogno dell’aiuto di qualcuno, sennò si perdono in un cucchiaino d’acqua, non solo in un bicchiere. Un saluto in multicolor….p.s. non ho nulla contro le camicie azzurre, sia chiaro.

Giuseppe

Ciao Silvia :-)
No, non preoccuparti non me la sono presa, tutt'altro.
Era solo un modo di esprimere il fatto che in molti si faranno un esamino di coscienza, si guarderanno dentro, guarderanno um po' ai loro/nostri comportamenti, e si compiaciuti si diranno "io non rientro in quella categoria".
Ricordo da ragazzo che quando insieme ad un amico ci vedemmo tre ragazze, il mio amico disse :" A me piace quella con le scarpe bianche". Tutte e tre le ragazze chinarono il capo per vedere chi le portasse.
Ciao,
Giuseppe

maxgiordani@yahoo.it

"bel pezzo" come dice sempre uno. Io, nel post (pezzo) avrei aggiunto qualche altra considerazione originale: le stagioni non sono piu quelle di una volta. Cara Irene... uomini "molli" di slito bazzicano donne "molli" che cercano l'originalità nelle banalità...

Silvia GM

@ sig. Giuseppe,
carina, quella delle scarpe bianche. Simpatica veramente. Non era neppure mia intenzione essere irriverente. Ho solo preso spunto dal simpatico-"stuzzicoso condito al peperoncino" scritto della altrettanto frizzante autrice. Avendo pure un *caso* sotto mano mi sono lasciata andare.... E le camicie azzurre son opure carine, fini, eleganti per ogni occasione, molto ben abbinabili a quasi tutti i colori.Sono disponibili in molte sfumature....Così come esistono maschietti molto ben 'abbinnabili alle suddette camicie. Senza per questo essi risultino "troppo molli", troppo seri, troppo pedanti... Volendo esser pignole. Cordiali saluti.

irenespagnuolo

Eh eh ci siamo sbizzarriti!
Bene, direi che anche i molli hanno avuto il loro momento di "gloria" con tutte queste attenzioni :)))

irenespagnuolo

Bud l'immagine l'ho scelta in tutta fretta :)))) Al volo non ho trovato di meglio!

irenespagnuolo

Max Max Max...mi mancavi tanto tanto.

zerogravity

Bello buttare la rete e guardare dalla barca quanti pesciolini rimangono intrappolati agitandosi e aggrovigliandosi l'uno all'altra... complimenti Irene.

irenespagnuolo

zerogravity è molto interessante...studio incessante del costume, dei percorsi umani, della psicosociologia :)

Giuseppe scriviamo qualcosa anche su quelle che si sono guardate le scarpe?!?!? Eh eh, forte!

marco

Gesù disse: "prima di guardare la pagliuzza negli occhi degli altri, guardate la trave che sta nei vostri".
A me pare sinceramente che vi siano molte più donne che corrispondano alla descrizione.
L'autrice è come sempre arguta nelle sue provocazioni, che hanno tuttavia la costante di prendere di mira il sesso opposto.
Quello che mi permetto di suggerire è che se di tanto in tanto si contraddicesse la religiosa (e ipocrita) ammirazione che da queste parti pare dovuta alle donne, l'efficacia sarebbe forse addirittura maggiore.
Saluti

irenespagnuolo

Marco sono talmente d'accordo con te che ti lancio una simpatica sfida: "soglia" tutto il blog e conta i post "contro" (si fa per dire, ovviamente) le donne e quelli "contro" gli uomini. Sono certa al 100% e oltre!!! che dovrai ricrederti......
Mi spiace un pò a volte, lo ammetto, ma tifo quasi sempre per gli uomini :)))
Ciaoooo
Irene

irenespagnuolo

ops, errata corrige: "sfoglia", non "soglia"...scusa!

www.facebook.com/profile.php?id=1384163673

A me pare che la mollezza invada tutta la società, senza riguardo al sesso o all'età. Ovunque si vedono donne anche giovani grigie e svampite: una fra tutte il ministro della pubblica istruzione Gelmini.

marco

Cara Irene, non credo di avere ben capito cosa tu intenda di "fare il tifo".
Una cosa è il tifo compassionevole, un'altra è il rispetto: chi mai non farebbe il tifo, quanto meno di incoraggiamento, per dei poveri disgraziati come tu a volte dipingi gli uomini? Io che sono juventino, quando il Toro è in serie b "faccio il tifo" anche per il Toro.
Purtroppo la tirannia del tempo non mi consente di fare la statistica che hai proposto, ma l'impressione è che in generale vengano usati due pesi e due misure (non solo da te, si intende).
Ad esempio: chi può confutare quello che tu scrivi in questo post? Nessuno. Peccato però che attribuisci ai soli uomini un comportamento che non è affatto una loro esclusiva. Ricordo di un post in cui parlavi senza mezzi termini di una presunta superiorità delle donne (senza peraltro motivarla).
E' ovvio che ognuno ha una insindacabile opinione al riguardo (e io rispetto in pieno la tua), ma ti posso assicurare che se io (o chi per me) scrivessi le stesse identiche cose al contrario, dovrei subire una sorta di "processo sovietico" con tanto di forzata terapia psicanalitica volta a trovare le tare mentali che mi hanno condotto a compiere un simile sacrilegio.
Detto questo, rinnovo la mia stima, che diventerà ammirazione qualdo verrà espulsa anche l'ultima goccia di femminismo :)).
Marco

irenespagnuolo

Di femminismo in me, Marco, non c'è goccia...e neanche traccia. Non pretendo tu lo creda così sulla parola...Se avrai voglia, ripeto, di leggerti maree di miei pezzi del passato ne troverai di feroci soprattutto contro le donne. Che io voglia o meno non posso fare diversamente. Considera che per ragioni di lavoro incontro, osservo, ascolto quotidianamente centinaia di uomini e donne...E la bilancia della stima o almeno della comprensione pende decisamente dalla parte degli uomini, te lo assicuro. E comunque se tornerai a trovarmi sono certissima che te ne accorgerai!
Talvolta, figurati, è addirittura doloroso per me. Mi dispiace un pò, mi rattrista un pò...però è così.
So che a parti invertite tu subiresti attacchi impietosi. D'altra parte quando io smaschero e affronto il mondo femminile trovo decine di commenti di uomini...e il silenzio assoluto delle donne. Non si "abbassano" neanche al confronto, al dialogo, alla riflessione. Non si mettono in discussione, mai.
C'è una cosa che non sai anche se l'ho scritta diverse volte qui...spero ti diverta e ti faccia cogliere qualcosa di me. Il massimo complimento del mio compagno è : tu non sei una donna, sei un uomo o un uomo/cucciola!
Cucciola al femminile come giusto tributo alla parte "buona"...
A volte i presenti non capiscono, trovano l'espressione di pessimo gusto e a lui tocca spiegare che è nota meravigliosa.
Grazie per i tuoi interventi Marco, sono interessanti e graditissimi.
Ciao
Irene

anpo


@ Irene
Nell'aspetto generale che hai descritto trovo molta ammirazione per i soggetti caratterizzati come uomini molli, una moltitudine.
Hanno un temperamento abbastanza definito (melanconico e/o flemmatico) e spesso l'atteggiamento che ne consegue confligge con la vita dinamica moderna ed i loro altrettanto numerosi rappresentanti che sono persone ben più compresse ed apparentemente energiche.
Certo, ognuno imposta la propria vita come meglio ritiene, e su questo non si è sempre liberi, spesso e intelligentemente ci adeguiamo alle sovrastrutture sociali (famiglia, educazione, ceto sociale, lavoro, etc), solo raramente ho conosciuto guerrieri che hanno capito la proppia struttura e superato la sovrastruttura sociale che "casualmente" li ospita.
Se noi ci limitiamo ad osservare gli uomini molli, seppur ne descriviamo alcuni anche interessanti particolari non li riusciremo a capire, anzi (se ci sentiamo diversi) troviamo nelle differenze fattori incociliabili.
Ma se con coraggio vogliamo incontrare l'altro essere umano, e non solo osservarlo, potremmo inaspettatamente trovare un tesoro: di informazioni, di esperienze e di conoscenza, di divrse prospettive di vita. . . che a noi (collerici e/o sanguinici)spesso mancano o solamente non riusciamo ad esperire e a vedere.
Sovente è la nostra unilateralità ad evidenziare la parte che ci manca.
Come nessun essere umano può sostenere oggettivamente che è meglio essere un uomo che una donna, e viceversa, ma sono entrambi necessari (per ora indispensabili) a continuare la realizzazione della specie umana, così, figurativamente, mi immagino che solo gli uomini/donne molli sappiano e riescano ad accogliere le asperità e gli spigoli degli altri.
Che noia una vita senza uomini molli. Li ritengo indispensabili!!!

un saluto
anpo


marco

Grazie Irene, l'ammirazione è sempre più vicina :))).
Sono peraltro convinto che la tua bravura stroncherà sul nascere i tentativi di boicottaggio dal sapore vagamente mafioso della parte più "allineata" della tua audience, anche perchè (per una volta faccio io lo psicologo) sappiamo bene che i comportamenti da te così ben descritti sottendono debolezza, insicurezza ed in ultima analisi invidia.
Un saluto. Marco

Silvia GM

Gent.ma Irene, certo che il suo semplice e breve titolo ha COLPITO l’immaginario e la tastiera (sarebbe penna ma in questo caso sono i computer che hanno avuto la meglio).Io, leggendo il suo simpatico, ironico, frizzante, graffiante ma assolutamente non volgare e neppure cattivo scritto, ho immediatamente pensato alla persona di mia conoscenza di cui poi ho descritto ! Ho inserito la camicia azzurra come
“simbolo”d’unclassicissimo modo d’apparire. Confesso di non seguire sempre o
quotidianamente i suoi scritti quindi, per quelli passati non posso dire se lei s’è schierata o meno, pro o contro, e per la maggiore verso le donne o gli uomini. Quindi mi riferisco alla presente. Non c’è cattiveria, casomai un mordace adorabilmente sarcastico modo di raccontare una realtà della specie umana maschile. Penso che la stessa cosa valga al femminile. E, come lei sottolinea nella sua risposta, farebbe lo stesso in tinte rosa pastello, con aggiunta di fucsia e pungenti … spiritose battute. Allora, io, per farmi perdonare dai maschietti risentiti, aggiungo qualche particolare. In difesa del “mio” descritto uomo molle.. posso assicurare quanto segue:
è un bravissimo cuoco; rigidissimo e precisissimo nell’osservare con pignoleria i milligrammi nelle dosi, i secondi di cottura o preparazione, fedele alle antiche ricette. Ad esempio. Ed è “un santo” nel sopportare la moglie. Quella isterica più di una centrale nucleare. Che serve e riverisce…
Sopporta i viziatissimi figli… che serve e riverisce… Quindi non solo difetti per quel omino.
E vi assicuro che quella donna rigidissima e maniaca nelle sue mansioni è di una severità agghiacciante. Alla quale vien voglia di urlare : = mhaaaahaaa rilassati un attimo che ti viene
un infarto. !! =
Ecco così ho equi-NON-solidariamente-pareggiato .! Fossi maschietto una così non la sopporterei.
Che carattere ragazzi! Come donna: un lui così non sopporterebbe me. Io troppo casinista per la sua meticolosa precisione/organizzazione /a dispozizione regoalre e perfettamene allineata, che non concede spazio alla fantasia, alla sorpresa, all’improbabile. Un lui che non si lascia mai andare… nel suo controllatissimo modo d’apparire. Neppure dinnanzi a sentimenti di troppa commozione quali un sorriso, non falso, una risata vera e comica, uno slancio con un caldo abbraccio, una lacrima di dolore. Neanche il vivere una giornata, od un’ora come viene, come capita, senza che essa sia stata programmata all’esatto secondo nella sua durata delle 24 h. Un cordialissimo saluto incasinato (ma solo q.b.) ed in multicolor , ventilato, soleggiato con qualche nuvoletta sparsa. Bye.
P.S. dimenticato. Voi giovani donne nate molto dopo gli anni 70 NON avete bisogno di “ fare le femministe” ! Siete donne con le “pa…." (in senso meteforico ovviamente). A parte esempi di
“donne–molli”- ma fauna femminile in via di estinzione. O no?


marco

Una fauna purtroppo (e sottolineo purtroppo) in forte crescita. E il bisogno di attributi altrui (quando se ne hanno di ottimi proprietari) ne è il segno più evidente.

irenespagnuolo

Silvia...una cosa sola: wow! Noi donne nate dopo gli anni 70?!?!?
Eh eh magari :)))
Sono nata prima...!
Grazie, comunque. Soprattutto del tuo saluto gentilmente e appassionatamente incasinato, sei forte!
Bye, alla prossima
Irene

irenespagnuolo

Ciao Marco spero tanto di ritrovarti...in qualche prossimo post! Sempre, naturalmente, con le tue stimolanti osservazioni :)
Grazie!
Un caro saluto
Irene

marco

Diciamo che in un mondo dominato dai copyright è bene che almeno la maieutica rimanga "open source":)). Ciao e alla prossima

Silvia GM

@ alla simpaticissima *padrona di casa* : complimenti ti facevo una giovane nata dopo…
Mi sa che ogni tanto, se inserirai qualche pezzo al peperoncino cannella zafferano mi divertirò
a spararne qualcuna in stile mio, aggiungendo una spruzzatina di limone & zenzero.
@ per l'altrettanto simpatico Marco: mi piace la maieutica; meglio ancora quel metodo di ricerca di Scorate , quello ironico- maieutico, quello che si basa sul dialogo che tende a mettere “a nudo” l’anima, per poi farle partorire il sapere. Lei dice che la fauna delle *donne molli* è in aumento? Ma quasi -quasi non saranno poi tanto in torno. Della serie : mica sceme! Loro/Elle nei momenti più difficili sono perennemente fragili. In-capaci di… non -in grado… perché non sanno come.. Oppure hanno, guarda caso, proprio un' indisposizione o un male, ma sempre per caso, proprio a quella parte del corpo che dovrebbero usare.(Non mi capisca male: intendo o ad una mano, ad un ditino, ad un braccio… ad una gamba
alla testa).Così delegano altri-altre“pirla” a far in loro vece. Mariti, compagni, amiche, colleghe. O no?
Rinnovo saluti, questa volta spumeggianti. Notte.

leonardo

Purtroppo anche tra coloro che stringono la mano con fermezza e bevono caffe' ristretto abbiamo un campionario di tutto rispetto.Conosco molti uomini non vorrebbero essere catalogati tra i molli che sanno essere duri con i deboli e molli con i forti e sempre pronti a servire l'opinione dominante. Spesso per costoro i principi sono cose per ingenui idealisti-Forse per le occasioni mondane gli uomini duri sono piu' congeniali ma se mi trovassi in parete a 5000 metri di altitudine preferirei avere con me un uomo molle magari meticoloso, metodico e rispettoso dei tempi e degli orari.E' come un vestito dipende dalle occasioni. Buona serata Irene.

Randagia

Mah, almeno non son delinquenti, direbbe mia nonna....

Randagia, che bella la definizione!

marco

@silvia GM: lo sa che mi ha tolto le parole di boccca? ma, detto tra noi, meglio la sua interpretazione autentica che la mia che potrebbe essere imparziale. Quando si dice la fortuna... ;)))

irenespagnuolo

Silvia, Marco, Leonardo siete effettivamente intriganti! Avete spinto così bene il piede sull'acceleratore dei pensieri social-umani...uhm, tanto da avermi ispirato nuovi lidi :))
A presto con nuove esplorazioni di profili
Frizzanti saluti
:)
Irene

irenespagnuolo

Randagia tua nonna sintetizza a meraviglia il vero lato buono dei molli!!!
Irene

Silvia GM

@ IRENE & ... ALTRI LETTORI INTRINGANTI.. pure a me avete ispirato "profili" di (?) Donne molli. Due sono, due.
Profilo A e profilo B. Almeno nel giro delle persone che conosco. ! Forza Irene sarò felice di leggere. Oggi però i saluti son ventosi.Buona domenica, o almeno quel che resta di essa. Bye.

marco

Un grazie per l'"intrigante" e per l'ospitalita e un saluto alle gentili interlocutrici.
Farò il possibile per partecipare alle prossime "esplorazioni", compatibilmente con gli impegni lavorativi e con la consapevolezza che senza una adeguata e costante preparazione sul campo la qualità dei miei interventi potrebbe calare considerevolmente :)). Buona domenica

I commenti per questa nota sono chiusi.