« La fortuna non esiste | Principale | Ho la pelle bianca »

23/08/09

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Pim

Il sospetto, da quanto ho capito, mi pare fondato su elementi poco consistenti: espressioni idiomatiche tradotte letteralmente, cosa peraltro non originale, molti autori lo fanno. La polemica sembra dunque pretestuosa. C'è però un dato di fatto: da quel che mi si dice, lo stile di Faletti si è assai raffinato rispetto al primo romanzo - l'unico che peraltro ho letto. Se "Io uccido" appariva in certi passaggi piuttosto grezzo, l'ultimo appare molto costruito, forse troppo. Vabbe' che scrivere è questione (anche/soprattutto) di esercizio, però rimane il sospetto che il Nostro sia (perlomeno) affiancato da qualche bravo collaboratore che aggiunga farina al suo sacco. Nulla di male, beninteso: se così fosse, però, Faletti farebbe bene a precisarlo. Per onestà nei confronti dei lettori.

Ciao Irene, buon inizio settimana. :-)
Pim

irenespagnuolo

Si, tutto giusto Pim.
Ma davvero invece di puntare il dito contro Faletti non potrebbero puntare il dito contro editori solerti ad aiutare i "famosi" e ad ignorare invece gli sconosciuti?!?!
:)
Irene

Pier

Parecchi anni fa sono stato in quel mondo, ma come commerciale, partecipando anche ad alcune cene in occasione di importanti premi.Mai visto e sentito gente più viscida,invidiosa ed opportunista. Faletti non l'ho mai letto ma mi piace ascoltarlo. Se vende buon per lui e per il suo editore, ha trovato la sua strada e non ruba niente a nessuno. In un post, non partito, sulle ferie, dicevo che in Italia si bada poco al "Chi paga"? mentre è un concetto molto importante. Attori scrittori ed intellettuali in genere, troppo spesso amano essere mantenuti e meno valgono più sono invidiosi ! Basterebbe pensare al trattamento che hanno riservato a Guareschi, l'Italiano più letto e tradotto nel mondo, con milioni di copie e non è chiaro se più od appena meno di Dante, ma criticato.., scrittore di provincia... scrittorucolo, sia da sinistra che da destra da gente che non ha mai venduto neppure le prime classiche 3000(leggere tremila)copie. Pier

Fino

Faletti è un nome che fa vendere.
Le sue qualità letterarie? Zero.
Un saluto dalla Sicilia
Fino

gobettiano

Non mi piace Faletti. Temo che l'ambiente sia molto vicino a come lo descrive Pier e quindi il successo di Faletti che è comunque un outsider fa saltare la mosca al nao a parecchia gente. Ecco! Credo sia tutto qui
luigi

Pier

Irene
pensavo ad un tuo commento sul mio accenno a Guareschi, giornalista,scrittore, polemista e galantuomo. Unico giornalista Italiano, condannato e che volle andare in carcere senza chiedere la grazia. Non penso sia stato e sia letto da milioni di persone solo per meriti politici. Chi le decide le "qualità letterarie"citate da Fino ? I lettori che comprano e che poi decretano nel tempo il valore ed il successo di un autore, i critici autonominatosi tali oppure le poche centinaia di lettrici e lettori professionisti che ricevono gratis le novità? tu,mi scuserai se ho cominciato a darti del tu e di solito non lo uso, sembri nata per scrivere, ti leggo con piacere e credo come me molti.Devo e devi chiedere a qualcuno se hai le qualità letterarie ? E' una patente rilasciata da qualche Minicultpop ?
Saluti Pier

irenespagnuolo

Nata per scrivere...questo è un complimento che in un lampo li batte tutti, Pier! GRAZIE...
Sono d'accordo con te. Troppo facile liquidare qualcuno solo per qualche feroce attacco dei "critici" di professione...il nostro è un Paese che non brilla per onestà intellettuale! E comunque il parere che conta e dura è proprio quello dei lettori, è vero. Anche se, Pier, bisogna considerare che i lettori sono inconsapevolmente molto orientati. Dalla pubblicità, dalle recensioni, dal fatto stesso che in libreria arrivi un libro o un autore e non un altro. Mondo difficile, molto :)
Citi giustamente Guareschi. E d'altra parte la storia ci insegna quanto in patria si trovi meno successo che altrove o che sia solo post mortem che l'opera di qualche "genio" abbia riconoscimento.
Per questo è bene non smettere di far sentire la nostra libera voce!

Un caro saluto
Irene
p.s. ovviamente è perfetto il tu, ci mancherebbe!

I commenti per questa nota sono chiusi.