« Sotto i vestiti niente | Principale | Corteggiamento addio »

12/04/08

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Fino

Irene, il 15 aprile, qualunque sia il risultato, ci rimboccheremo le maniche cercando di fare, nel nostro piccolo, la propria parte.
Sì, la situazie è grave. Pochi hanno parlato della perdita di produttività delle nostre imprese, del rale valore dell'inflazione, dei problemi delle persone per arrivare a fine mese.
Un anota rilassante: il mio post odierno. Te lo consiglio.
Un abbraccio
Fino

Pim

Più che in Loro, spero in noi. Nella capacità degli italiani di dare fiducia, scegliere e quindi di verificare, nei tempi che verranno, il destino che ha avuto il proprio voto. Se è servito per cambiare qualcosa oppure no.
A lunedì, Irene, ciao.

Pier Luigi Zanata

Siamo un po' sul depresso. Non vale la pena prendersela per il dopo 13-14 aprile.
Spero di farti sorridere con una storiella sentita nal Festival della filosofia di Modena:
''L' ottimista dice:.
Il pessimista dice:.
Il razionalista dice:.
Il commento del filosofo di turno: ''Beh, questo rende la faccenda cristallina''.
Sei intelliente per capire la morale sottesa.
Buona domenica, buon voto (ricorda che il cuore elemento vitale ha la punta, parte importante dell' organo, rivolta a SINISTRA). Un abbraccio PL

Pier Luigi Zanata

Siamo un po' sul depresso. Non vale la pena prendersela per il dopo 13-14 aprile.
Spero di farti sorridere con una storiella sentita nal Festival della filosofia di Modena:
''L' ottimista dice:Il bichiere e' mezzo pieno.
Il pessimista dice:Il bicchiere e' mezzo vuoto.
Il razionalista dice:Questo bicchiere e' grande il doppio del necessario.
Il commento del filosofo di turno: ''Beh, questo rende la faccenda cristallina''.
Sei intelliente per capire la morale sottesa.
Buona domenica, buon voto (ricorda che il cuore elemento vitale ha la punta, parte importante dell' organo, rivolta a SINISTRA). Un abbraccio PL

zia elena

Irene, sono con te ed anch'io, come Fino e Pim, confido nella capacità e nella volontà di noi tutti.

Non ci resta che aspettare.

Un caro saluto.

Elena

luigi

Sono i cittadini ad essere malati, stanchi, sfiduciati eppure ancora rassegnati o proni ad un plebiscito berlusconi si o no. E sono i cittadini che decideranno di se stessi, divisi, n molti loro malgrado su berlusconi si o no. Ed è una ben modesta scelta che lascerà anche chi la avalla e la condivide malato, stanco e sfiduciato. Spero di cuore e spererò fino a prova contraria di poter ...sperare.
luigi

cenerentola

Ieri, mi sono recata al seggio piena di fiducia, scrutando le facce degli altri elettori per cercare di indovinare dalle loro espressioni le intenzioni di voto. Ho avuto un umore un po' altalenante, speranzoso durante la giornata, "Si puo' fare" mi ripetevo a mo' di mantra, stanotte pero' ho faticato a prendere sonno ed e' stato un sonno molto agitato. L'affluenza e' in calo dicono, non so se sia un buon segnale.......

I commenti per questa nota sono chiusi.