« Scrivere la morte | Principale | Un sorriso »

13/11/07

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Antonio Montanari

Cara Irene,
grazie del tuo commento di ieri, molto importante. Ne ho preso spunto per il post appena inserito:
http://antoniomontanarinozzoli.blog.lastampa.it/antoniomontanari/2007/11/cronache-nere.html
Saluti. Antonio

streghetta

Sarà mica una giustificazione perchè ancora non mi hai scritto il libro????!!! Scherzo ovviamente...

cenerentola

Irene,

credimi ,ogni tuo post fa' si che "l’incanto di quella magia" arrivi a destinazione, dritto nel cuore di ognuno.
Da parte mia sperimento invece, la frustrazione di non sapere tradurre in parole la "speciale melodia" che pur sento dentro di me.....
Certo non si puo' avere tutto....
Grazie!

Gian Contardo

Sarà forse perché ho un'ottima memoria, che finora non mi ha mai tradito e che mi consente di ricordarmi per giorni se non per setitmane delle frasi prima di scriverle, fatto sta che credo molto nelle proprietà selettive della memoria e del suo interagire con l'inconscio.

E quindi, dopo che da un po' di anni sono giunbto a questa conclusione, ogni volta che mi dimentico una frase nel suo complessso non me la prendo: vuol dire che quella frase, per quanto intensa ed evocativa fosse, non era veramente importante per me o che, ora o fra qualche tempo, ritornerà modificata e quindi migliorata alla parte conscia della mia mente.
Se invece una frase mi rimane impressa per giorni nella sua interezza, vuol dire che è veramente da mettere per iscritto.

stefy

Ah, no, cara Irene !!! Non e' certo il tuo caso !!! Quando mai le tue parole sono aride ?? Mai ! credimi.
Sono aride quelle che vengono buttate giu' solo per riempire il bianco di un foglio. E non hanno nulla da dire.
No, non sei proprio tu !
Un abbraccio,
Stefy

irenespagnuolo

Grazie Antonio, ho letto e apprezzato...

Streghetta tu sai dove vanno le parole : si perdono tra un caffè da streghetta, una rana, un rospo, una cioccolata, due olive all'ascolana e un cartizze !!!!
Eh eh ma non ti deluderò, abbi pazienza...

Grazie Stefy grazie Cenerentola, musica per il mio cuore i vostri interventi !!!

Gian Contardo, chissà forse hai ragione. O ognuno ha il suo strano rapporto con le emozioni e con le parole...

guardami negli occhi

Cara Irene,
in svariate occasioni della vita è necessario fermarsi e ritrovare energia nel riposo mentale, e poi...e poi si torna a correre con la mente più nitida di prima.
Corri Irene!!!
Un abbraccio
Laura :))

Fabioletterario

Irene, ma mi vuoi ancora bene?

streghetta

Cara la mia Irenina non è possibile che tu mi deluda.. certo sono ansiosa...

Pier Luigi Zanata

Cara Irene talora ci capitano cose che poi comprendiamo col tempo.
Ricorda: le parole, comunque, durano piu' della gente, perche' la loro storia non finisce e torneranno sempre a incontrarci e incontrarsi.
PL

guardami negli occhi

Cara Irene, non so se l'hai già fatto, ma se puoi vai su l'altro blog di Giulia
Laura

luisa

Cara Irene mi ritrovo nelle tue parole, la mia mamma è morta da poco più di un mese per un tumore al seno. Dopo un grande dolore mentale e fisico adesso sto riacquistando un pò di lucidità e quindi sto iniziando a provare una forte nostalgia di mia madre di quando stava bene, penso che questo non passerà mai, ma col passare del tempo ci si sente un pò meglio?

irenespagnuolo

Luisa il tempo addolcisce il dolore e dona ai ricordi una forza speciale, diventano il nostro bagaglio di emozioni e pensieri.
Certo credo che tu debba vivere il presente, come sicuramente anche lei avrebbe voluto...
In bocca al lupo, coraggio!
Irene

luisa

Grazie! Irene, ogni giorno riesco a fare qualcosa in più, ma a volte proprio quando mi sembra di riuscire a stare a galla improvvisamente scivolo di nuovo giù, come in questo momento. E' stato per puro caso che ho scoperto il tuo bolg e quello di Marco, condividere con voi i miei pensieri mi dona un pò di sollivo nei momenti in cui proprio non c'è la faccio perchè il dolore mi assale e sento quasi di stare per esplodere. Poui leggere la mia storia nel blog di Marco. Ciao, un forte abbraccio. LUISA

irenespagnuolo

Luisa è vero, condividere dona sollievo...Con il tempo ci auguriamo maturi sempre più il ricordo, che è memoria dolce e non ferita struggente. Perchè ci rimanga dentro lo spirito di chi ci ha lasciato. Perchè la vita abbia un pò del loro respiro. Perchè questo sia la nostra ricchezza.
Un abbraccio anche a te Luisa, ci ritroveremo sicuramente da Marco!
Ciao
Irene

luisa

Dovrei riprendere a studiare, a settembre ho l'esame di ammissione per la scuola di specializzazione all'insegnamento, ma proprio non ci riesco. Mi manca la mia mamma! Benchè ripeta a me stessa che le cosa migliore sarebbe riprendere a studiare per realizzare i miei sogni che poi erano anche quelli che mia madre aveva per me, io non ci riesco. Sono solo riuscita ad andare dal parrucchiere dal quale non andavo da più di tre mesi circa ed ero in condizioni pietose e sono andata qualche volta al centro commerciale per degli acquisti. La vita di sempre senza mia madre proprio non riesco a riprenderla, la casa senza di lei è vuota. Ogni volta che guardo i miei libri penso che lei non c'è più e quasi li odio. Ormai tutto quello che prima per me era importante ha perso ogni significato.

I commenti per questa nota sono chiusi.