« L'onda grigia | Principale | Parlate ora »

29/08/08

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

alicesu

a me il sesso interessa poco. anzi, pochissimo.

Mi interessa farlo, e non ne sono una malata. Ma leggere, vedere foto o servizi del cazzo - in tutti i sensi - proprio non mi interessa...

girasole

Tu hai ragione, in effetti è così. Basta vedere i programmi televisivi più seguiti o i giornali più letti.
Però è un po' triste, dai...sarà anche impulso d'evasione ma leggere e guardare i sacrosanti affari degli altri, non lo trovo poi così rilassante. Comunque, ognuno ha il suo modo per staccare, come si dice...vivi e lascia vivere.
Ciao, buona serata.

irenespagnuolo

Beh alice e girasole sono pienamente d'accordo con voi. Quello che esalto non è certo la porno commedia della vita...ma il suo studio. E' quello che ci dice molto del genere umano...

Ciao!
Irene

Anna Rosa Balducci

Dov'è un bel vademecum di orientamento per vivere in una giungla di 'guardoni'?
Magari con l'aggiunta'per timidi'.
salutoni
Anna Rosa

Indaffarato

Il sesso, o l'idea (spesso sbagliata) che di esso abbiamo è radicato in noi più di quanto non dichiariamo. E' una delle forze motrici del pianeta, fa fare di tutto. E' anche capace di far intraprendere viaggi intercontinentali solo per il piacere di un paio di notti che, se ben pagate, affrancano qualcuno dal grigiore della quotidiana esistenza. A volte il viaggio "della speranza" è più squallido e riprovevole, frutto di perversioni ancestrali che andrebbero punite quantomeno con la castrazione se non con la perdita della inutile esistenza.

La piacevolezza di un rapporto umano, d'amore o di semplice attrazione, è invece tutt'altra cosa. Ma questo noi lo sappiamo...

Ciao

Francesco

leonardo

Irene sono convinto anch'io che attraverso lo studio della porno commedia di un paese si possono comprendere i costumi e indirettamente l'approccio con la vita di tutti i giorni. Non e' un caso che ogni popolo vive diversamente il rapporto tra realtà e impulso all’evasione, come lo definisci tu. Sono sicuro che questo reality non sarebbe apprezzato compreso dai popoli che noi definiamo primitivi, indigeni o aborigeni forse perche' non hanno ancora sviluppato il nostro grado di sottocultura e questo e tutto dire.Sicuramente riderebbero di noi anche perche' non avendo porte non capirebbero questo assillante bisogno di sbirciare dalle serrature. Saluti a tutti.

irenespagnuolo

Anna Rosa dobbiamoci scrivercelo, il vademecum. In giro belli e pronti non ce ne sono :))

Ciao Francesco, rieccoti! Che piacere, passerò a trovarti.

Splendido intervento Leonardo!!! Grazie, un saluto speciale a te. E torna qui quando puoi, con i tuoi preziosissimi commenti.

Irene

gobettiano

E' così come dici a condizione di non limitarsi al ruolo di soli guardoni. E l'ottica del guardone in genere non coglie altri aspetti della vita.
luigi

irenespagnuolo

Limitarsi al ruolo di guardoni? Mai!!!

I commenti per questa nota sono chiusi.